Never mind the bee stings

Dive

Posted in Proiezioni, Solo canzonette by matteb83 on 27 giugno 2012

Prima si chiamavano Dive – in omaggio all’omonima canzone dei Nirvana – e ora si fanno chiamare DIIV – per evitare confusioni con l’omonima band belga. A guidarli è Zachary Cole Smith, già membro degli ottimi Beach Fossils. Il loro disco d’esordio si chiama Oshin ed è uscito giusto ieri per la Captured Tracks.

A volerla spiegare con poche parole, la musica dei DIIV potrebbe essere l’esatto punto d’incontro tra dream pop e shoegaze. Due generi che vengono solitamente considerati molto vicini, ma distinti ognuno da sfumature e caratteristiche specifiche: più leggero e sognante il primo, più vaporoso e introverso il secondo. Oshin questi elementi li contiene tutti e li mischia con sapienza, senza paura di riempire lo spettro sonoro di chitarre riverberate e liriche inintelleggibili o quasi.

Più che da ascoltare, un disco dentro cui perdersi. O, meglio ancora, tuffarsi.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...