Never mind the bee stings

I just saw a rainbow fall into the floor

Posted in Solo canzonette by matteb83 on 11 luglio 2012

Nell’attesa di sapere se i Sonic Youth esistono ancora o se dopo il divorzio tra Thurston Moore e Kim Gordon dobbiamo considerali un capito chiuso, fuori c’è un bell’album solista firmato da Lee Ranaldo. Il disco si chiama Between The Times And Tides e pur non essendo la prima uscita a nome Lee Ranaldo (stando a Wikipedia è anzi la numero nove), è però la prima fatta di canzoni e non di improvvisazioni ed esperimenti noise.

Canzoni vere e proprie, guidate da chitarre ruvide, figlie di un tempo in cui il termine indie rock indicava ancora un genere musicale definito e non un vago sentire applicabile a qualsiasi cosa. Canzoni non sempre semplici, spesso scure e involute, ma in ogni occasione fondate su una scrittura più che sicura. Esattamente quello che ci si poteva aspettare da Lee Ranaldo, insomma. E non staremo certo a lamentarcene.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...