Never mind the bee stings

Bilanci e risultati

Posted in Serietà by matteb83 on 8 ottobre 2012

Sabato scorso, durante un incontro al festival di Internazionale (che è sempre una cosa bella, piena di gente bella), Shawn Carrié, attivista di Occupy Wall Street, ha detto una cosa che mi ha colpito (tra molte altre che invece mi hanno lasciato piuttosto freddo). Incalzato dal moderatore su un bilancio dei risultati ottenuti a un anno dalla nascita del movimento, Carrié ha risposto facendo notare che le idee di “risultato” e “bilancio” sono legate  a doppio filo proprio a quella cultura economica e liberista che Occupy Wall Street contesta. Che da un lato suona come un modo facile per non dare una risposta che si teme possa uscire troppo debole, ma dall’altro può essere visto anche, credo, come uno scarto coraggioso di prospettiva, un tentativo di uscire da un frame prestabilito che lascia molto poco spazio di manovra.

Al di là delle vicende proprie di Occupy Wall Street, mi pare che l’idea di cercare schemi differenti da quelli imposti dall’alto – di cambiare le regole del gioco, in poche parole – sia una delle mancanze più evidenti di tutto ciò che in Italia può finire sotto la voce “movimento”. Riuscirci non è affatto semplice, certo, e il discorso collegato a quest’idea è lungo e complicato. Proprio per questo mi è dispiaciuto non sia stato approfondito di più.

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...