Never mind the bee stings

Anche Clint Eastwood sbaglia

Posted in Effetti speciali, Proiezioni, Scemenze by matteobenni on 14 maggio 2014

Annunci

Venti dischi del VentiTredici

Posted in Scemenze, Solo canzonette by matteobenni on 19 dicembre 2013

20. Club 8 > Above the City

Club_8-Above_The_City-Frontal

 

19.  Of Montreal > Lousy with Sylvianbriar

of-Montreal-Lousy-With-Sylvianbriar

 

18. Toro y Moi > Anything in Return

Toro-y-Moi-Anything-In-Return

 

17. Ducktails > The Flower Lane

ducktails

 

16. Haim > Days are Gone

haim-days-are-gone

 

15. Fear of Men > Early Fragments

FEAR-OF-MEN-EARLY-FRAGMENTS

 

14. CHVRCHES > The Bones of What You Believe

CHVRCHES-The-Bones-of-What-You-Believe

 

13. Arcade Fire > Reflektor

arcade fire

 

12. Yuck > Glow and Behold

YUCK-Glow-Behold-FINAL1

 

11.When Nalda Became Punk > A Farewell to Youth

when nalda

 

10. Tegan and Sara > Heartthrob

tegan-sara-heartthrob

 

09. Yo La Tengo > Fade

Yo-La-Tengo-Fade

 

08. Eleanor Friedberger > Personal Record

EleanorFriedberger

 

07. She and Him > Volume 3

shehim

 

06. Shout Out Louds > Optica

shout out louds

 

05. The Leasure Society > Alone Aboard the Ark

leisure-society

 

04. Camera Obscura > Desire Lines

camera obscura

 

03. Rodriguez > Searching for Sugar Man OST

rodriguez

 

02. Johnny Marr > The Messenger

johnnymarr

 

01. The Mary Onettes > Hit the Waves

mary onettes

 

Game of synth

Posted in Gli internets, Scemenze by matteobenni on 10 aprile 2013

 

Una delle serie tv più acclamate degli ultimi anni – partita giusto due settimana fa con sua la terza stagione – e una delle band più chiacchierate dell’anno – il cui album di debutto dovrebbe arrivare dopo l’estate – riunite per un minuto scarso dalla videocamera di un telefonino.

I CHVRCHES si divertono a rifare, a modo loro, la sigla di Game of Thrones, e l’epico incedere d’archi dell’originale si trasforma in un marziale riff electropop che sarebbe potuto saltar fuori dai synth dei primi Depeche Mode.

Hey giù

Posted in Effetti speciali, Scemenze, Solo canzonette by matteb83 on 8 aprile 2013

 

Dopo il grande successo di Losing My Religion dei REM girata in maggiore, arriva Hey Jude dei Beatles in minore. Inutile dire che la canzone resta ottima, anzi il cambio di tono fa emergere un’anima blues che nella versione originale restava ben nascosta sottotraccia.

Gli auguri natalizi di Never mind the bee stings

Posted in Proiezioni, Scemenze by matteb83 on 23 dicembre 2012

Euglossa bazinga

Posted in Scemenze by matteb83 on 22 dicembre 2012

Bazinga bee

Nonostante il backlash abbia colpito pesantemente la serie già da qualche anno (e nonostante il fatto che – come sempre – le prime stagioni erano meglio di quelle venute dopo), da queste parti si continua a guardare The Big Bang Theory. Venti minuti leggeri a cui non si chiede niente più che qualche risata scema.

Inoltre, sempre da queste parti, un po’ per innata passione e un po’ per dovere derivato dal nome di questo blog, si ha un’attenzione particolare per tutto ciò che concerne miele e mondo delle api.

Messi insieme questi due elementi, diventa impossibile ignorare la notizia che una particolare specie di ape legata in una stretta simbiosi a un particolare tipo di orchidea è stata chiamata Euglossa bazinga. In onore, chiaramente, alla amata/odiata catchphrase di Sheldon Cooper.

In related news, una nuova specie di ragno è stata intitolata a Barack Obama (Aptostichus barackobamai). A questo punto non so più dire se quelli che danno i nomi alle nuove specie animali hanno troppa fantasia o troppo poca.

Quanto beve Don Draper

Posted in Immaginare, Scemenze by matteb83 on 12 dicembre 2012

01 1671393-slide-screen-shot-2012-12-05-at-22411-pm

02 1671393-slide-screen-shot-2012-12-05-at-22447-pm

03 1671393-slide-screen-shot-2012-12-05-at-22435-pm

Questa fantastica infografica, nata da un workshop al Politecnico di Milano, conta, analizza ed elabora drink bevuti e sigarette fumate dai personaggi di Mad Men durante la prima stagione della serie.

Via Co.Design.

Saltare

Posted in Scemenze by matteb83 on 5 dicembre 2012

01 tramp-3

02 tramp-2

03 tramp-4

In Russia, in mezzo a una foresta, in occasione di un festival chiamato Archstoyanie, è stato montato un tappeto elastico lungo 170 piedi (poco più di 50 metri).

Schiaccia stress

Posted in Immaginare, Scemenze by matteb83 on 29 novembre 2012

E’ arrivata fino all’Atlantic la piccola e geniale idea di Fra Biancoshock che allieta l’attesa alle fermate di tram e bus di Milano con riquadri di pluriball (la carta da imballaggi fatta di bolle d’aria che è impossibile non voler fare esplodere a ripetizione), distribuiti gratis e in tre formati a seconda del tempo di attesa previsto.

Watermark fail

Posted in Effetti speciali, Immaginare, Scemenze by matteb83 on 22 novembre 2012

Questa bisogna spiegarla per bene. Perché – nonostante le apparenze – non è né l’opera controversa di qualche artista contemporaneo, né il tagliente messaggio di protesta di qualche gruppo politico radicale. L’immagine qui sopra è presa invece dal sito istituzionale del servizio postale degli Stati Uniti, e per capirci qualcosa bisogna fare luce su due dettagli.

La prima cosa da sapere è che lo U.S. Postal Service dal 2007 ha introdotto una serie di francobolli che non hanno un valore fisso. Si chiamano Forever Stamps e nello spazio in cui solitamente è indicato il valore del francobollo mostrano la parola Forever. Sono francobolli utilizzati per la corrispondenza comune (First Class) e in virtù del loro status permanente restano in vigore anche qualora vengano modificate le tariffe postali.

La seconda cosa da dire è che per evitare falsificazioni – cioè che qualcuno si stampi comodamente i francobolli in casa – lo store online del servizio postale americano mette una barra diagonale sul valore dei francobolli riprodotti.

Da qui il disguido. Quelle che erano immagini specchio di un certo patriottismo retorico tipicamente americano, con il trattamento del watermark ne diventano improvvisamente una curiosa e involontaria satira. Non solo per collezionisti.