Never mind the bee stings

Immutabili

Posted in Effetti speciali, Parole, Solo canzonette by matteobenni on 11 gennaio 2016

Seu Jorge è un musicista brasiliano che nel 2004, nel film di Wes Anderson Le avventure acquatiche di Steve Zissou, ha interpretato il ruolo di Pelé dos Santos: un marinaio che per tutta la durata della pellicola non fa che suonare e cantare, con solo voce e chitarra, canzoni di David Bowie tradotte in portoghese. Quelle canzoni sono la colonna sonora del film, e quel film ha una delle colonne sonore più belle di tutti i tempi.

Parlare di David Bowie – oggi, ieri, domani – significa parlare di un intero universo: tanto è stato immenso il suo talento. Un universo musicale, di idee brillanti, intuizioni geniali, salti in avanti, riflessioni acute, scarti laterali, viaggi interstellari. Un universo, anche, personale. Nel senso di personaggio più che di persona. La sua è stata una maschera capace di mutare, di stravolgersi, di cambiare costantemente, e capace di piegare le mode e i tempi al suo volere. Un alieno venuto dallo spazio, un folle signore dei goblin, un illuminato scienziato costretto all’esilio.

Bowie ha fatto tutto questo, è stato tutto questo. Ma la cosa più sorprendente è un altra: Bowie è sempre rimasto soltanto Bowie. Inconfondibile nei suoi mille volti, inconfondibile nonostante i suoi mille volti.

Così, quando questa mattina presto la radio ha annunciato la triste notizia della sua morte, tra un’infinita scelta di canzoni straordinarie, mi è comparso davanti agli occhi Seu Jorge, vestito da Pelé dos Santos, seduto da qualche parte a bordo della Belafonte. La sua Changes è impregnata di quella malinconia svogliata che sembra poter esistere solo in terre portoghesi, ma che è semplicissimo fare propria in un istante.

Parlare di David Bowie – oggi, ieri, domani – significa parlare di un intero universo. Uno spazio vasto pieno di oggetti splendenti capaci, come Bowie, di mutare costantemente e rimanere costantemente immutati. Immutabili, che Bowie ci sia oppure no. E per farli propri basta solamente saperli afferrare.

Snobbati e sconosciuti, perlopiù. I miei dischi del 2015

Posted in Nastroni, Solo canzonette by matteb83 on 30 dicembre 2015

listadischi2015

Mi piace molto leggere le classifiche dei dischi di fine anno: finisco sempre per trovare qualche album interessante, a volte persino formidabile, che mi era sfuggito. Per dire, ne ho recuperati un paio, molto belli, solo nella giornata di ieri.

E mi piace molto anche compilare la mia personale classifica, soprattutto perché ogni volta mi accorgo che fare il punto dei dischi che più mi hanno accompagnato negli ultimi dodici mesi non vuol dire altro che fare il punto di quello che ho fatto e che mi è successo negli ultimi dodici mesi. Le due cose, ancora oggi, viaggiano perfettamente in parallelo e riscoprire, anno dopo anno, il perdurare di questa connessione è in qualche modo prezioso e consolatorio al tempo stesso.

La classifica per questo 2015, me ne rendo perfettamente conto, è abbastanza bizzarra: manca tutta una serie di dischi acclamatissimi ed è piena in compenso di album snobbati e pochissimo considerati, se non del tutto ignorati (almeno per quel che mi è capitato di leggere in giro). Nonostante questo, individuare i miei venti dischi del 2015 è stato sorprendentemente semplice, questione di pochi minuti. Il che, di solito, è un buon segno.

La lista è qui sotto, e come di consueto c’è anche un nastrone che mette insieme una canzone per ognuno dei venti dischi presenti. Lo si ascolta comodamente in streaming qui.

20. Belle and Sebastian – Girls in Peacetime Want to Dance
Il 2015 è stato l’anno del mio primo concerto dei Belle and Sebastian: era nella mia personale lista di “band da vedere dal vivo almeno una volta nella vita” da più di un decennio. Ed è stato formidabile. Questo loro nuovo disco non è perfetto, ma contiene, come sempre, una serie di canzoni di cui è difficile non innamorarsi. Intanto abbiamo già i biglietti per andarli a vedere di nuovo. Questa volta alla Royal Albert Hall di Londra, il prossimo giugno.

19. Any Other – Silently. Quietly. Going Away
Lo scorso inverno, quando l’ho vista suonare solo voce e chitarra da Zoo, a Bologna, non sapevo nulla di Any Other, se non che era il nuovo volto di Adele Nigro delle Lovecats. Quel suo piccolo concerto mi piacque molto, ma non avrei mai immaginato che da quelle canzoni semplici potesse uscire un disco tanto duro e sincero, legato a un modo di fare musica a cuore aperto di cui, purtroppo, si sono rimaste poche tracce dopo la fine degli anni ’90.

18. Death Cab For Cutie – Kintsugi
Altro nome cancellato quest’anno dalla personale lista “band da vedere dal vivo almeno una volta nella vita”. L’occasione è stata un concerto a fine giugno, al Bataclan di Parigi. E visto quanto successo pochi mesi più tardi, il ricordo di quella serata è finito avvolto in toni cupi. Il disco, però, resta più che piacevole, ennesima conferma di una band che sa come scrivere belle canzoni.

17. Stealing Sheep – Not Real
Sorpresa assoluta. Il programma del Green Man Festival (a fine agosto, in Galles) le vendeva come band psych-folk e a loro avevo preferito un altro dei tanti nomi in cartellone. La pioggia però mi ha costretto a cambiare i piani e quando, per puro caso, me le sono ritrovate davanti, sono rimasto folgorato dal loro pop elettronico essenziale e irresistibile, che guarda a un passato lontano e alla sua vecchia idea, allora luminosa, di futuro.

16. Holly Miranda – Holly Miranda
Il suo è uno di quei nomi ricorrenti su cui si finisce ogni volta per sorvolare: ci sono sempre cose più importanti che catturano l’attenzione. Non ricordo, quindi, come mi sia venuto in mente di ascoltare questo disco per la prima volta. Ma ricordo molto bene, da subito, la sensazione di essere davanti a un album inatteso, per la cura negli arrangiamenti e per il peso delicato di ogni singola canzone. È uno di quei dischi preziosi, da soppesare con attenzione, su cui è bello concentrarsi nel seguire il percorso delle note mentre viaggiano e si intrecciano in disegni sempre nuovi.

15. Kill The Vultures – Carnelian
Ci ho provato ad ascoltarlo, più di una volta, e di nuovo anche recentemente, ma questo tanto acclamato To Pimp a Butterfly di Kendrick Lamar non è riuscito a conquistarmi. Per quanto riguarda l’hip-hop il mio 2015 è stato invece l’anno di Straight Outta Compton, film a suo modo perfetto che mi ha dato l’occasione di riscoprire il formidabile esordio degli N.W.A. Ed è stato l’anno del ritorno dei Kill The Vultures, che con Carnelian fanno un nuovo ampio passo avanti nella loro idea affascinante di rap cupo e soffocato, confuso tra beat eterei e jazz ossessivo.

14. Grimes – Art Angels
Un disco elettro-pop con canzoni immediate e ritornelli che entrano in testa al primo ascolto. Ma anche un disco difficile, complesso, a tratti perfino respingente. Sta probabilmente in questa ambivalenza il fascino di Art Angels, la sua capacità di mostrare, senza barriere e senza quasi volerlo, lo spirito contorto di questi tempi.

13. Best Coast – California Nights
Soprattutto, mi piacciono i dischi pop con belle canzoni, semplici, e con melodie cristalline. I Best Coast questo hanno sempre fatto e continuano a fare. Nel caso di California Nights, con l’aggiunta di una produzione limpida e curata che fa risaltare ancora di più le innegabili doti di scrittura della coppia Betany Cosentino e Bobb Bruno.

12. Chvrches – Every Open Eye
Per qualche motivo non avevo molta fiducia in questo secondo disco dei Chvrches. Il loro esordio era stato tanto dirompente e singolare che ogni idea di un seguito sembrava poter essere solo deludente. Mi sbagliavo, ovviamente. Perché Every Open Eye, alla fine, non fa altro che riprendere lo stesso elettro-pop fulmineo dell’esordio e spingerlo un poco avanti, senza stravolgere nulla, al tempo stesso, in una formula che è perfetta così com’è.

11. Dele Sosimi – You No Fit Touch Am
Il 2015 è stato anche l’anno del definitivo ritorno sulle scene dell’afrobeat, tra funk e jazz sperimentale. All’epica free di Kamasi Washington, però, ho preferito decisamente i ritmi contagiosi di Dele Sosimi, uno che ha suonato con Fela Kuti e che non pubblicava un disco nuovo da almeno un decennio. Afrobeat d’altri tempi e insieme assolutamente al passo coi tempi. Ipnotico, enigmatico, frenetico e, quando serve, persino gioioso.

10. Warm Soda – Symbolic Dream
Non sembra che molti si siano accorti di questo disco nuovo dei Warm Soda, e non mi è chiaro il perché. Il genere è passato di moda? Forse. Ma la capacità di scrivere una tale sequenza ininterrotta di piccole hit garage-pop non è da tutti. Per giunta se ammantate, come sono, da un’adorabile aria di rassegnata noncuranza.

9. Natalie Prass – Natalie Prass
Al Green Man Festival c’era anche lei. Ha suonato un pomeriggio sul palco più grande e ha fatto un po’ la diva, anche se forse non era l’occasione migliore per permetterselo. La musica, però, anche senza la sontuosità orchestrale degli arrangiamenti su disco, è stata capace di lasciarmi comunque senza fiato. Pop classico e d’altri tempi, ma anche il tono dolente e sommesso del Nick Drake più delicato, per una voce e un talento che non hanno fatto che brillare per tutto questo 2015.

8. Sara Lov – Some Kind of Champion
Non ho mai avuto modo di scambiare con lei più di qualche imbarazzata parola, ma per me Sara Lov è come uno di quei vecchi amici che, anche se senti raramente, ci sono sempre e ti aspettano, ogni volta che serve, con buone parole da regalare. Anche per questo, sono molto orgoglioso di aver dato il mio piccolissimo contributo per finanziare Some Kind of Champion: un gesto semplice che è stato ricompensato in pieno, permettendomi di fare un regalo molto bello a una persona speciale e di ricevere al tempo stesso in cambio un disco altrettanto incantevole.

7. Someone Still Loves You Boris Yeltsin – The High Country
Quando è morto Boris Yeltsin i Someone Still Loves You Boris Yeltsin hanno diramato un comunicato per specificare che, nonostante il triste decesso, la band non avrebbe cambiato nome. Oltreché molto divertente, quel gesto sottolineava una intransigenza e una coerenza – seppur autoironica – che ai tempi mi aveva molto colpito. E che ho ritrovato in pieno nel power pop ispirato di The High Country, capace di andare dritto al punto, senza fronzoli e inutili sovrastrutture. Sincero e immediato come pochi hanno il coraggio di essere di questi tempi.

6. Mac DeMarco – Another One
Il titolo del disco – un altro – è giustissimo e sbagliatissimo al tempo stesso. Il che è perfettamente in linea con il personaggio di Mac DeMarco. Lui che era già stato autore di uno dei dischi migliori del 2014 (Salad Days) e che è tornato, come se nulla fosse, pochi mesi più tardi, con questo seguito, tentando di farlo passare per un mini-album di poco conto. Ma fallendo miseramente nella sua goffa ricerca di understatement. Another One, invece, contiene una manciata di canzoni dall’anima fragile, sorrette da un talento pop geniale che prova continuamente a nascondersi dietro al divano di casa, senza mai riuscirci del tutto.

5. Courtney Barnett – Sometimes I Sit and Think, and Sometimes I Just Sit
Le lodi di questo disco sono già state cantate in lungo e in largo: i testi e le rime brillanti, l’atmosfera compiutamente slacker, il garage-pop a tratti frenetico e a tratti quasi da hit parade anni ’90. Credo di averlo ascoltato ovunque sia stato in questo 2015: in casa e al lavoro, al mare e in Islanda, a Londra e in Georgia. In tutti i casi, ogni volta, è suonato del tutto fuori posto, inadatto, inadeguato. E ogni volta non ha smesso di piacermi tantissimo. Credo sia questo il segreto del suo successo.

4. Westkust – Last Forever
Lo ammetto: all’inizio non avevo creduto ai Westkust. Il loro shoegaze mi sembrava troppo scuro, respingente, sbilanciato. È servito qualche ascolto extra per farmi cambiare, di colpo, decisamente idea. E il loro piccolo concerto acustico di qualche settimana fa, qui a Bologna, non ha fatto altro che far emergere con chiarezza l’orecchio sorprendente di questa banda di giovani svedesi per certe strane e contagiose melodie.

3. Sufjan Stevens – Carrie & Lowell
Sono convinto che Sufjan Stevens avrebbe potuto scrivere magari non esattamente questo disco, ma un disco altrettanto incredibile in un qualsiasi momento degli ultimi dieci anni. Ne sono convinto più o meno dalla prima volta che ho ascoltato John Wayne Gracy, Jr. Il problema è che, giustamente, non deve essere divertente tirare fuori canzoni tanto silenziose ed enormemente profonde. È lo sporco lavoro che, di norma, deleghiamo agli artisti. A noi, piccoli codardi che non siamo altro, resta solo il piacere di ascoltare quando tutto è finito.

2. Eternal Summers – Gold and Stone
Per non so bene quale ragione non ero mai riuscito ad ascoltare con la giusta attenzione The Drop Beneath, il precedente disco degli Eternal Summers, e mi era rimasta a lungo la fastidiosa sensazione di aver mancato qualcosa, di essermi perso un momento in qualche modo importante. Fortunatamente non sono riuscito a ripetere lo stesso errore con Gold and Stone, che, ho così scoperto, è un disco di indie pop luminoso e spesso sorprendente. Amichevole e spiazzante al tempo stesso, piacevole ma mai scontato. Un ascolto che ogni volta, finalmente, lascia sereni e appagati.

1. All We Are – All We Are
Dentro al mio disco dell’anno c’è tanta black music, dal funk al soul, ma anche un’anima fredda e sintetica. Ci sono diverse idee di pop psichedelico, ma anche ritmi frenetici e sincopati. Non credo di essere mai riuscito a spiegare bene di che roba si tratti a tutte le persone a cui ho provato a consigliarlo nell’ultimo anno. Il modo migliore per riuscire a capirci qualcosa è quello di riuscire a vederli dal vivo, gli All We Are. Che al Green Man Festival hanno fatto un concerto divertentissimo e travolgente, riuscendo in un attimo a contagiare tutti i presenti con le mille belle contraddizioni della loro musica. Una volta davanti al fatto compiuto non c’è molto altro da spiegare.

Gong

Posted in Solo canzonette by matteobenni on 30 dicembre 2014

Tutto quello che so è che ha 22 anni, è di Leeds e si fa chiamare Favela. A inizio 2014 ha fatto uscire un EP di tre canzoni intitolato Easy Yoke e da pochi giorni ha pubblicato online un nuovo brano, Gong, che si muove tra arpeggi ipnotici, elettronica sospesa e malinconia.

I dischi del 2014

Posted in Nastroni, Solo canzonette by matteobenni on 29 dicembre 2014

al8

È sempre divertente il gioco delle classifiche dei dischi di fine anno, e utile, anche, per fare ordine tra tutto quello che si è ascoltato da gennaio a dicembre. In questo 2014, in verità, ho indugiato molto su dischi vecchi, soprattutto di black music, jazz e soul, usciti tra anni ’50, ’60 e ’70. Quindi sto scoprendo solo in questi giorni – grazie appunto alle classifiche di fine anno – molti album interessanti che mi ero perso, tra quelli usciti negli ultimi dodici mesi. Ma il tempo per ascoltare un po’ di dischi nuovi, comunque, non è mancato. Ecco qui, allora, i venti dischi del 2014 che più ho ascoltato e riascoltato nel 2014.

20. Alpaca Sports – Sealed With A Kiss

19. Andrew Bird – Things Are Really Great Here, Sort Of…

18. T.V. Smith – I Delete

17. Bored Nothing – Some Songs

16. Allo Darlin’ – We Come From The Same Place

15. When Nalda Became Punk – Indiepop Or Whatever!

14. Buddy – Last Call for the Quiet Life

13. Thurston Moore – The Best Day

12. The Dø – Shake Shook Shaken

11. Flowers – Do What You Want To, It’s What You Should Do

10. Maria Antonietta – Sassi

9. Erlend Øye – Legao

8. Death Vessel – Island Intervals

7. Dente – Almanacco Del Giorno Prima

6. The Notwist – Close To The Glass

5. Mad Caddies – Dirty Rice

4. Real Estate – Atlas

3. Fanfarlo – Let’s Go Extinct

2. Mac DeMarco – Salad Days

1. Alvvays – Alvvays

E sempre per rispettare le tradizioni, qui c’è anche un nastrone di venti tracce (una per disco) da ascoltare comodamente in streaming.

Quel che resta

Posted in Solo canzonette by matteobenni on 15 dicembre 2014

Johan Agebjörn, ovvero l’altra metà del duo sinth-pop svedese Sally Shapiro una volta tolta la cantante Sally Shapiro, esce a febbraio con un disco solista che si chiamerà Notes.

Una prima anticipazione è questa The Leftovers, che vede tra gli ospiti gli Young Galaxy e Emil Svanängen dei Loney Dear. Sospesa, scricchiolante e a tratti cupa, mi ricorda con piacere le atmosfere di Island Intervals dei Death Vessel, uno dei miei dischi più amati di questo 2014.

Dance like it’s 1994

Posted in Effetti speciali, Proiezioni, Solo canzonette by matteobenni on 12 giugno 2014

Arie californiane

Posted in Solo canzonette by matteobenni on 11 giugno 2014

Una decina di anni fa e forse anche qualcuno in più, nel circuito della musica alternativa divenne per qualche tempo popolare un genere musicale che mischiava punk-rock veloce e ritmi ska. Niente che non avessero già inventato i Clash, s’intende, ma il risultato era divertente e spesso riuscito. La moda arrivava dalla costa ovest degli Stati Uniti, dove nel giro di pochi anni erano spuntate come funghi band che si cimentavano nel genere. Era tutto molto californiano, ma anche noi che al massimo andavamo al mare in Riviera, finimmo per farci coinvolgere senza troppi problemi dallo spirito duro e al tempo stesso leggero che usciva fuori da quei dischi e da quelle canzoni.

Come sempre accade, poi, la moda passò e nel giro di pochi anni quel fermento si spense per fare spazio ad altri suoni (decisamente più lamentosi e meno spensierati, ma questo è un altro discorso). Delle tante band che erano spuntate, la maggior parte scomparve nel nulla e solo pochissime continuarono testarde per la loro strada. Tra queste, i Mad Caddies sono da sempre i miei favoriti. Soprattutto per la loro capacità di aggiungere all’incrocio tra rock e ritmi in levare una buona dose di ottime influenze jazz e dixie. Caratteristica che hanno affinato sempre di più e che con il passare degli anni è diventata il loro marchio di fabbrica.

Il nuovo album del Mad Caddies – il sesto della loro carriera, l’ultimo risaliva al lontano 2007 – è uscito da poche settimane, si chiama Dirty Rice e si conferma pieno di belle melodie e di quell’aria dura e leggera, molto californiana, di cui si sente sempre un po’ la mancanza.

FDR

Posted in Solo canzonette by matteobenni on 13 gennaio 2014


Nella piccola città tedesca di Viersen vive Marius Lauber, un ragazzo appassionato di musica. Cresce ascoltando gli Strokes e suonando la chitarra in qualche band locale. Poi si muove verso una grande città, Colonia, dove inizia a frequentare i club e a familiarizzare con la dance e la techno. Non smette di fare musica, ma dalle chitarre passa alle tastiere, e si mette in proprio con un nome presidenziale: Roosevelt. L’EP Elliot – quattro belle canzoni tra dance e chillwave – è la sua prima uscita.

Sotto i portici

Posted in Solo canzonette by matteobenni on 7 gennaio 2014

Nicola Nesi è nato a Bologna ma vive a Londra. Si fa chiamare Everlasting Joy e con quel nome ha appena pubblicato per l’etichetta modenese Museek un piccolo EP intitlato Walking Portici. E’ breve e si muove a passi veloci tra downtempo e ipotetiche basi hip-hop, come un compagno ideale che vi accompagna furtivo tra le strade strette del centro.

Venti dischi del VentiTredici

Posted in Scemenze, Solo canzonette by matteobenni on 19 dicembre 2013

20. Club 8 > Above the City

Club_8-Above_The_City-Frontal

 

19.  Of Montreal > Lousy with Sylvianbriar

of-Montreal-Lousy-With-Sylvianbriar

 

18. Toro y Moi > Anything in Return

Toro-y-Moi-Anything-In-Return

 

17. Ducktails > The Flower Lane

ducktails

 

16. Haim > Days are Gone

haim-days-are-gone

 

15. Fear of Men > Early Fragments

FEAR-OF-MEN-EARLY-FRAGMENTS

 

14. CHVRCHES > The Bones of What You Believe

CHVRCHES-The-Bones-of-What-You-Believe

 

13. Arcade Fire > Reflektor

arcade fire

 

12. Yuck > Glow and Behold

YUCK-Glow-Behold-FINAL1

 

11.When Nalda Became Punk > A Farewell to Youth

when nalda

 

10. Tegan and Sara > Heartthrob

tegan-sara-heartthrob

 

09. Yo La Tengo > Fade

Yo-La-Tengo-Fade

 

08. Eleanor Friedberger > Personal Record

EleanorFriedberger

 

07. She and Him > Volume 3

shehim

 

06. Shout Out Louds > Optica

shout out louds

 

05. The Leasure Society > Alone Aboard the Ark

leisure-society

 

04. Camera Obscura > Desire Lines

camera obscura

 

03. Rodriguez > Searching for Sugar Man OST

rodriguez

 

02. Johnny Marr > The Messenger

johnnymarr

 

01. The Mary Onettes > Hit the Waves

mary onettes